Agevolazioni fiscali pacchetto casa 2018.

February 15, 2018

Tutte le novità della Legge di bilancio 2018 sul pacchetto casa

 

 


Sul supplemento ordinario n. 62 alla Gazzetta ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 è 
stata pubblicata la legge 27 dicembre 2017, n. 205 recante “Bilancio di previsione dello 
Stato  per  l’anno  finanziario  2018  e  bilancio  pluriennale  per  il  triennio  2018-2020”. 
Riassumiamo, qui di seguito, le notizie fiscali più importanti contenute nella versione 
definitiva della legge di bilancio 2018 cercando di essere più schematici possibile. 
Se non esposto quando si fa riferimento alle legge si intende sempre la 205/2017. 
 
 

  Efficienza energetica
 
Il comma 3 affronta il cosiddetto “pacchetto casa”, con numerose proroghe e novità.  
Sono  state  prorogate  di  un  anno  le  detrazioni  fiscali  rafforzate  al  65%  per 
interventi di efficienza energetica previste all’articolo 14 del DL 63/2013. 
Prevista,  inoltre,  la  detrazione  al  65%  anche  per  gli  interventi  di  sostituzione  di 
impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di 
efficienza almeno pari alla classe A di prodotto e contestuale installazione di 
  sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII 
della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02; 


    impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con 
caldaia  a  condensazione,  assemblati  in  fabbrica  ed  espressamente  concepiti 
dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro; 
    spese  sostenute  all’acquisto  e  posa  in  opera  di  generatori  d’aria  calda  a 
condensazione. 


 Riduzione di detrazioni


Sempre nel comma 3, è chiarito che le detrazioni sono ridotte al 50% per le spese 
sostenute dal 1° gennaio 2018 per interventi di acquisto e posa in  opera di finestre 
comprensive  di  infissi,  di  schermature  solari  e  di  sostituzione  di  impianti  di 
climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza 
almeno pari alla  classe A  di prodotto.   Sono esclusi  dalla detrazione gli interventi di 
sostituzione  di  impianti  di  climatizzazione  invernale  con  impianti  dotati  di  caldaie  a 
condensazione con efficienza inferiore alla classe A.

 

Nuova detrazione 
 
Introdotta una nuova detrazione rafforzata per i micro-cogeneratori. In particolare, è 
prevista la detrazione al 50% delle spese per l’acquisto e la posa in opera di micro-
cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, sostenute dal 1º gennaio 2018 al 31 
dicembre 2018, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro. Per poter 
beneficiare  della  suddetta  detrazione  gli  interventi  in  oggetto  devono  condurre  a  un 
risparmio di energia primaria (PES), pari almeno al 20%. 

 

Impianti invernali
 
La  detrazione  al  50%  si  applica  anche  alle  spese  sostenute  nell’anno  2018  per 
l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati 
di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo 
della detrazione di 30.000 euro.  

 

Sisma bonus
 

Prorogato anche il cd. “sisma bonus” per le spese relative agli interventi sulle parti 
comuni  degli  edifici  condominiali  ricadenti  nelle  zone  sismiche  1,  2  e  3,  finalizzati 
congiuntamente  alla  riduzione  del  rischio  sismico  e  alla  riqualificazione  energetica, 
spetta una detrazione 
   dell’80%,  se  gli  interventi  determinano  il  passaggio  a  una  classe  di  rischio 
inferiore; 
   dell’85%  se  gli  interventi  determinano  il  passaggio  a  due  classi  di  rischio 
inferiori. 

 

 

Asseverazione

 

La  sussistenza  delle  condizioni  per  accedere  alle  detrazioni  devono  essere 
asseverate   da   professionisti  abilitati  mediante  l'attestazione  della 
prestazione energetica degli edifici 

 

Ristrutturazione edilizia

 

Le altre proroghe fino al 31.12.2018 contenute nel comma 3 riguardano: 
    le spese di ristrutturazione edilizia, disciplinata all’articolo 16 DL 63/2013. 
Inoltre, come previsto per gli interventi di efficienza energetica, le detrazioni 
per le ristrutturazioni sono usufruibili anche dagli Istituti autonomi per le case 
popolari; 

 

Bonus mobili

 

 il  bonus  mobili,  ovvero  l’agevolazione  fiscale  per  le  spese  effettuate  per 
l’acquisto di: 
  mobili; 
  grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) e 
apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica; 
finalizzati  all’arredo  di  immobili  oggetto  di  ristrutturazione,  con  lavori  avviati 
nel  2017  o  nel  2018.    Come  previsto  dalla  normativa  precedente,  è  confermato 
l’importo massimo di 10.000 euro per immobile. 

 

Bonus verde

 

I commi da 12 a 15 introducono ad una delle novità, il cosiddetto Bonus verde. 
In  particolare,  per  l'anno  2018,  ai  fini  delle  imposte  sui  redditi,  dall'imposta  lorda  si 
detrae un importo pari al  36% delle spese documentate, fino ad un ammontare 
complessivo delle stesse non superiore a 5.000 euro per unità immobiliare, sostenute 
ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla 
base di un titolo idoneo, l'immobile sul quale sono effettuati gli interventi per: 
a)   "sistemazione  a  verde"  di  aree  scoperte  private  di  edifici  esistenti,  unità 
immobiliari,  pertinenze  o  recinzioni,  impianti  di  irrigazione  e  realizzazione 
pozzi; 
b)    realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili. 

 

Edifici condominiali
 

 N.B: 
Tale detrazione spetta anche per le spese sostenute per interventi effettuati 
sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali fino ad un importo 
massimo  complessivo  di  5.000  euro  per  unità  immobiliare.  In  tal  caso  la 
detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile 
a  condizione  che  la  stessa  sia  stata  effettivamente  versata  al  condominio 
entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi. 

 

Ovviamente la detrazione  compete per i pagamenti effettuati con strumenti idonei a 
consentire  la  tracciabilità  delle  operazioni  ed  è  come  le  altre  ripartita  in  10  quote 
annuali costanti di pari importo.  
Tra le spese agevolabili sono comprese quelle di progettazione e manutenzione 
connesse all'esecuzione degli interventi ivi indicati. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Please reload

Post in evidenza
Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square